Inventario

La documentazione conservata nell'Archivio storico è stata riunita grazie all'intervento di riordino attuato tra 1987 e 1993 (inventario redatto utilizzando Microsoft Word) e a due aggregazioni successive, effettuate tra il 2003 e il 2004 (inventario redatto utilizzando Microsoft Access).

La revisione complessiva dell'ordinamento e la stesura di un nuovo inventario unitario hanno preso avvio nel 2005 con l'utilizzo del software Guarini Archivi, prodotto dal CSI e dalla Regione Piemonte.

A seguito dell’obsolescenza dell’applicativo si è dovuta affrontare la scelta di un nuovo applicativo, open source e gratuito, AtoM, conforme agli standard descrittivi internazionali e compatibile con i sistemi centrali dell’amministrazione archivistica, e la successiva migrazione dei dati.

La revisione è un lavoro in fieri e le descrizioni sono rese pubbliche una volta revisionate, come anche le schedature dei nuovi fondi acquisiti dall’Archivio.

Inizialmente utilizzata per la gestione e la pubblicazione del posseduto dell’Archivio storico, la piattaforma è stata poi proposta anche ad altri istituti dell’Università detentori di archivi, affinché le descrizioni già disponibili e quelle future potessero essere redatte conformemente agli standard descrittivi e immediatamente fruibili on line.

Il servizio è accessibile da questa pagina.